La dimensione “doverosa” del potere organizzativo