il divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono competizioni agonistiche, introdotto allo scopo di arginare l’ormai dilagante fenomeno della violenza negli stadi, si caratterizza per l’attitudine ad incidere sulla libertà personale del soggetto. Il provvedimento deve essere adottato sulla base di una ponderata valutazione delle circostanze sia oggettive che soggettive, quindi della concreta ed attuale pericolosità del soggetto che è anche il presupposto di giustificazione ed idoneità della misura stessa in relazione allo scopo che si intende perseguire. Di ciò l’Autorità competente deve dare atto nella motivazione del provvedimento che, per quanto espressione di un potere discrezionale, è sindacabile dall’A. G. sotto il profilo dell’eccesso di potere, nelle sue diverse forme sintomatiche, quali la manifesta illogicità, l’irragionevolezza, l’evidente sproporzione ed il travisamento dei fatti, ovvero la violazione del principio di adeguatezza, proporzionalità e del cd. gradualismo sanzionatorio.

DIVIETO DI ACCESSO ALLE MANIFESTAZIONI SPORTIVE (DASPO): NATURA, FUNZIONE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA SUA APPLICAZIONE

D'ARIENZO, Mariaconcetta
2013

Abstract

il divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono competizioni agonistiche, introdotto allo scopo di arginare l’ormai dilagante fenomeno della violenza negli stadi, si caratterizza per l’attitudine ad incidere sulla libertà personale del soggetto. Il provvedimento deve essere adottato sulla base di una ponderata valutazione delle circostanze sia oggettive che soggettive, quindi della concreta ed attuale pericolosità del soggetto che è anche il presupposto di giustificazione ed idoneità della misura stessa in relazione allo scopo che si intende perseguire. Di ciò l’Autorità competente deve dare atto nella motivazione del provvedimento che, per quanto espressione di un potere discrezionale, è sindacabile dall’A. G. sotto il profilo dell’eccesso di potere, nelle sue diverse forme sintomatiche, quali la manifesta illogicità, l’irragionevolezza, l’evidente sproporzione ed il travisamento dei fatti, ovvero la violazione del principio di adeguatezza, proporzionalità e del cd. gradualismo sanzionatorio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/31619
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact