Il “lavoro flessibile” nella costruzione del sé