<<Io era tra color che son sospesi>> (Inferno, II, 52), ovvero una commedia poco divina su precetto e processo esecutivo