La notificazione del ricorso in riassunzione agli eredi collettivamente e impersonalmente, nell'ultimo domicilio del defunto, suscita talora perplessità e resistenze in chi teme un vulnus per i destinatari solo cumulativamente evocati. Il contributo mira a mostrare l'utilità sul piano sostanziale e la correttezza in chiave processuale di una pronuncia resa in forma impersonale verso gli eredi, da individuarsi per nome e per quota solo successivamente, al momento dell’esecuzione.

La notificazione collettiva e impersonale nell’ultimo domicilio del defunto: riaffiorano dubbi sull’art. 303, 2° comma, c.p.c.

DELLA PIETRA GIUSEPPE
2022

Abstract

La notificazione del ricorso in riassunzione agli eredi collettivamente e impersonalmente, nell'ultimo domicilio del defunto, suscita talora perplessità e resistenze in chi teme un vulnus per i destinatari solo cumulativamente evocati. Il contributo mira a mostrare l'utilità sul piano sostanziale e la correttezza in chiave processuale di una pronuncia resa in forma impersonale verso gli eredi, da individuarsi per nome e per quota solo successivamente, al momento dell’esecuzione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/109098
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact