La ritenuta compromettibilità delle liti possessorie induce più di un raccordo fra procedimento interdittale e giudizio arbitrale, imponendo una riflessione sulle peculiarità del patto arbitrale (anche nella prospettiva di una scissione fra le due fasi: quella sommaria, dinanzi al giudice; quella di merito, davanti all’arbitro), una rimodulazione degli artt. 703 e 704 c.p.c., un ripensamento del divieto di cumulo con il petitorio alla luce delle caratteristiche del giudizio privato.

L'arbitrato sui «rapporti possessori»

della pietra giuseppe
2022

Abstract

La ritenuta compromettibilità delle liti possessorie induce più di un raccordo fra procedimento interdittale e giudizio arbitrale, imponendo una riflessione sulle peculiarità del patto arbitrale (anche nella prospettiva di una scissione fra le due fasi: quella sommaria, dinanzi al giudice; quella di merito, davanti all’arbitro), una rimodulazione degli artt. 703 e 704 c.p.c., un ripensamento del divieto di cumulo con il petitorio alla luce delle caratteristiche del giudizio privato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/109096
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact