Il “diritto incriminato”: sciopero sotto accusa