I mercati finanziari costituiscono per le imprese un “fronte strategico” relativamente autonomo, che si congiunge, nel sistema delle strategie aziendali, a quello dei mercati reali ed al sistema economico-sociale. In tale ambito, divenuto sempre più competitivo, la logica di fondo ha subito una radicale evoluzione e l’oggetto dello scambio va oggi individuato, più che nei capitali, nelle opportunità di investimento dei capitali. L’azienda è chiamata a sviluppare strategie finanziarie competitive capaci di attrarre e trattenere alle migliori condizioni i capitali necessari al suo sviluppo. La strategia finanziaria assume, di conseguenza, una nuova fisionomia sotto il profilo degli obiettivi e dei contenuti. Il focus si sposta dall’assetto finanziario dell’azienda al posizionamento nel mercato finanziario ed il problema centrale è quello di acquisire un ruolo competitivo forte capace di alimentare ed orientare i processi di crescita. La forza competitiva dell’azienda sul mercato dei capitali riflette direttamente la sua capacità di relazionarsi e dialogare con gli investitori finanziari sui temi della strategia e dei processi di creazione del valore. In quest’ottica, al fine di rendere più efficace tale relazione, è necessario delineare un set di Key Performance Indicators (KPI), coerente con la logica degli investitori finanziari, capace di rappresentare compiutamente le potenzialità strategiche dell’azienda. Occorre, inoltre, costruire un modello di comunicazione – Business Strategy Scorecard (BSS) per i mercati finanziari - che coordinando in un quadro sistematico e sintetico questi KPI, riesca a trasmettere il distillato essenziale delle conoscenze necessarie a valutare competitivamente l’azienda quale opportunità di investimento dei capitali. Il modello teorico proposto e la costruzione della BSS sono stati sottoposti a verifica empirica. La ricerca, che ha richiesto quasi due anni di lavoro, è stata condotta mediante questionario ed interviste dirette ad un numero significativo di aziende iscritte all’Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari (ANDAF) ed ha prodotto risultati significativi circa l’effettiva validità dell’impostazione teorica.

Business Strategy Scorecard per i mercati finanziari (Business Strategy Scorecard for financial markets)

FERRI, Salvatore;
2013

Abstract

I mercati finanziari costituiscono per le imprese un “fronte strategico” relativamente autonomo, che si congiunge, nel sistema delle strategie aziendali, a quello dei mercati reali ed al sistema economico-sociale. In tale ambito, divenuto sempre più competitivo, la logica di fondo ha subito una radicale evoluzione e l’oggetto dello scambio va oggi individuato, più che nei capitali, nelle opportunità di investimento dei capitali. L’azienda è chiamata a sviluppare strategie finanziarie competitive capaci di attrarre e trattenere alle migliori condizioni i capitali necessari al suo sviluppo. La strategia finanziaria assume, di conseguenza, una nuova fisionomia sotto il profilo degli obiettivi e dei contenuti. Il focus si sposta dall’assetto finanziario dell’azienda al posizionamento nel mercato finanziario ed il problema centrale è quello di acquisire un ruolo competitivo forte capace di alimentare ed orientare i processi di crescita. La forza competitiva dell’azienda sul mercato dei capitali riflette direttamente la sua capacità di relazionarsi e dialogare con gli investitori finanziari sui temi della strategia e dei processi di creazione del valore. In quest’ottica, al fine di rendere più efficace tale relazione, è necessario delineare un set di Key Performance Indicators (KPI), coerente con la logica degli investitori finanziari, capace di rappresentare compiutamente le potenzialità strategiche dell’azienda. Occorre, inoltre, costruire un modello di comunicazione – Business Strategy Scorecard (BSS) per i mercati finanziari - che coordinando in un quadro sistematico e sintetico questi KPI, riesca a trasmettere il distillato essenziale delle conoscenze necessarie a valutare competitivamente l’azienda quale opportunità di investimento dei capitali. Il modello teorico proposto e la costruzione della BSS sono stati sottoposti a verifica empirica. La ricerca, che ha richiesto quasi due anni di lavoro, è stata condotta mediante questionario ed interviste dirette ad un numero significativo di aziende iscritte all’Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari (ANDAF) ed ha prodotto risultati significativi circa l’effettiva validità dell’impostazione teorica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/27335
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact