Lo studio dei processi demografici costituisce il punto nodale per l’interpretazione dei principali modelli che regolano i meccanismi di sviluppo economico e sociale: la popolazione determina l’andamento della forza lavoro, le conseguenti richieste di occupazione, le diverse esigenze di infrastrutture, e via dicendo. Nel lavoro è stata svolta una analisi dell’andamento, temporale e territoriale, delle principali variabili demografiche nell’Unione Europea allargata a 25 membri, cercando nel contempo di fornire alcuni elementi di riflessione per analizzarne le prospettive e valutare le conseguenze che le stesse potranno avere sugli scenari, attuali e futuri, della società e dell’economia di uno spazio estremamente eterogeneo, all’interno del quale si registrano disparità complesse che definiscono un contesto geo-economico vario e articolato.

Il modello demografico dell'Unione Europea allargata in un'ottica geografica

2006

Abstract

Lo studio dei processi demografici costituisce il punto nodale per l’interpretazione dei principali modelli che regolano i meccanismi di sviluppo economico e sociale: la popolazione determina l’andamento della forza lavoro, le conseguenti richieste di occupazione, le diverse esigenze di infrastrutture, e via dicendo. Nel lavoro è stata svolta una analisi dell’andamento, temporale e territoriale, delle principali variabili demografiche nell’Unione Europea allargata a 25 membri, cercando nel contempo di fornire alcuni elementi di riflessione per analizzarne le prospettive e valutare le conseguenze che le stesse potranno avere sugli scenari, attuali e futuri, della società e dell’economia di uno spazio estremamente eterogeneo, all’interno del quale si registrano disparità complesse che definiscono un contesto geo-economico vario e articolato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/26646
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact