Il vescovo ‘teodosiano’ quale riferimento per la normazione «de fide» (secc. IV-V),