Una riforma amministrativa senza partiti?