Alta velocità e concorrenza modale: il caso del trasporto regionale campano