Gli studi di storia della ragioneria sono fioriti nell’ottocento. In particolare, nell’ultimo quarto del secolo si è assistito ad una proliferazione di ricerche storiche da parte di autori noti e meno noti. Proprio allora si cominciò infatti a riandare alle origini, onde fornire costrutto e dignità alla ragioneria che in quegli anni si sarebbe affrancata dal novero delle materie puramente “tecniche” per innalzarsi al rango di scienza. Vi fu inoltre chi, come Giuseppe Cerboni e, soprattutto, Fabio Besta, posero il “metodo storico” a fondamento della propria attività di ricerca. Il contributo intende ricordare, seppure brevemente, i primi fermenti di ricerca storica della nostra disciplina – da ricondurre al XIX secolo – i quali hanno fornito utilissimo materiale per gli studiosi dei periodi seguenti fino ad arrivare ai nostri giorni. In particolare, si è anzitutto proceduto a censire le opere a stampa su questo argomento, compresi gli articoli apparsi sulle riviste dell’epoca, per poi passare ad illustrare i contenuti di quelle più rilevanti, sia per la dimensione che per la notorietà degli autori. Uno spazio è stato dedicato anche alle iniziative “non editoriali” in campo storico, che pure hanno contribuito alla crescita della materia. Il lavoro si conclude con una ricca appendice ragionata dove, per una migliore fruibilità, le diverse opere ricordate nel testo sono state esposte secondo differenti criteri classificatori. Oltre al tradizionale elenco alfabetico (per autori), esse appaiono infatti per anno di pubblicazione, per tipologia di prodotto editoriale e, infine, per argomento sviluppato.

Agli albori delle ricerche di storia della ragioneria in Italia. Il contributo degli studiosi del XIX secolo

2009

Abstract

Gli studi di storia della ragioneria sono fioriti nell’ottocento. In particolare, nell’ultimo quarto del secolo si è assistito ad una proliferazione di ricerche storiche da parte di autori noti e meno noti. Proprio allora si cominciò infatti a riandare alle origini, onde fornire costrutto e dignità alla ragioneria che in quegli anni si sarebbe affrancata dal novero delle materie puramente “tecniche” per innalzarsi al rango di scienza. Vi fu inoltre chi, come Giuseppe Cerboni e, soprattutto, Fabio Besta, posero il “metodo storico” a fondamento della propria attività di ricerca. Il contributo intende ricordare, seppure brevemente, i primi fermenti di ricerca storica della nostra disciplina – da ricondurre al XIX secolo – i quali hanno fornito utilissimo materiale per gli studiosi dei periodi seguenti fino ad arrivare ai nostri giorni. In particolare, si è anzitutto proceduto a censire le opere a stampa su questo argomento, compresi gli articoli apparsi sulle riviste dell’epoca, per poi passare ad illustrare i contenuti di quelle più rilevanti, sia per la dimensione che per la notorietà degli autori. Uno spazio è stato dedicato anche alle iniziative “non editoriali” in campo storico, che pure hanno contribuito alla crescita della materia. Il lavoro si conclude con una ricca appendice ragionata dove, per una migliore fruibilità, le diverse opere ricordate nel testo sono state esposte secondo differenti criteri classificatori. Oltre al tradizionale elenco alfabetico (per autori), esse appaiono infatti per anno di pubblicazione, per tipologia di prodotto editoriale e, infine, per argomento sviluppato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/25545
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact