Sulle rotte del romanzo moderno: Defoe, Dickens e il montaggio narrativo