Tecniche alternative alla <<rivalutazione>> del capitale della Banca d'Italia: possibile configurabilità di forme espropriative?