Gli storici della ragioneria hanno a lungo disquisito sull’origine della partita doppia. Nell’ottocento il dibattito fu alimentato da alcune affermazioni del Niebuhr, secondo il quale essa sarebbe già stata nota ai tempi dei romani. La questione fu dibattuta, in particolare, fra Giovanni Rossi e Plinio Bariola, i quali sono giunti a conclusioni opposte. Il presente lavoro intende illustrare i loro contributi scientifici, che hanno notevolmente arricchito gli studi di storia della ragioneria e tuttora rappresentano un valido esempio di come un serio lavoro di ricerca storica debba essere svolto.

Sull’esistenza della scrittura doppia in epoca romana: una disputa dottrinale sul finire dell’Ottocento

CORONELLA, STEFANO
2006

Abstract

Gli storici della ragioneria hanno a lungo disquisito sull’origine della partita doppia. Nell’ottocento il dibattito fu alimentato da alcune affermazioni del Niebuhr, secondo il quale essa sarebbe già stata nota ai tempi dei romani. La questione fu dibattuta, in particolare, fra Giovanni Rossi e Plinio Bariola, i quali sono giunti a conclusioni opposte. Il presente lavoro intende illustrare i loro contributi scientifici, che hanno notevolmente arricchito gli studi di storia della ragioneria e tuttora rappresentano un valido esempio di come un serio lavoro di ricerca storica debba essere svolto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/23812
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact