Il fenomeno dell’outsourcing costituisce un elemento centrale dell’odierna econo-mia e gestione delle imprese, in un contesto competitivo caratterizzato sempre più dalla centralità delle risorse immateriali di conoscenze e di competenze specialistiche in riferimento alle diverse attività di gestione. La singola impresa, non potendo più fondare il conseguimento di un vantaggio competitivo soltanto su direttrici di sviluppo interno, deve necessariamente aprirsi alla cooperazione interaziendale anche in relazione a quelle attività, funzioni o processi di gestione ad alta rilevanza strategica e a forte impatto sulla sua capacità innovativa. Per tali ragioni l’outsourcing si pone oggi quale via spesso obbligata per innalzare il potenziale competitivo, in un passaggio paradigmatico da vettore di “cost reduction” a vettore di “value creation” che ha visto progressivamente ampliare i suoi oggetti ad attività appartenenti o vicine al core-business dell’impresa. Ed è proprio in virtù di questa nuova fisionomia dell’outsourcing che la tematica del rischio assume una rilevanza assoluta nel governo e nella gestione di questa scelta manageriale, atteso che “non c’è creazione di valore senza rischio”. Sicché si pone all’impresa l’esigenza di sviluppare un’adeguata capacità di individuare e fronteggiare i suoi numerosi rischi economici, strategici ed organizzativi, attraverso una sapiente gestione di tutte le fasi del complesso processo di outsourcing. In questa prospettiva, questo lavoro intende porre le basi di un impianto concettuale di outsourcing risk management che unifichi l’insieme dei criteri e delle modalità di gestione attraverso le quali le imprese possano fronteggiare i numerosi profili di rischio delle scelte di outsourcing, superando la tradizionale visione del rischio come elemento ostativo. Le considerazioni formulate nel testo scaturiscono da un bilanciamento di profili squisitamente teorici con aspetti di operatività concreta, e sono sviluppate con particolare riferimento a quelle fasi del processo di outsourcing che l’Autore identifica come critiche ai fini dell’ottenimento dei risultati auspicati.

OUTSOURCING RISK MANAGEMENT

POPOLI, Paolo
2008

Abstract

Il fenomeno dell’outsourcing costituisce un elemento centrale dell’odierna econo-mia e gestione delle imprese, in un contesto competitivo caratterizzato sempre più dalla centralità delle risorse immateriali di conoscenze e di competenze specialistiche in riferimento alle diverse attività di gestione. La singola impresa, non potendo più fondare il conseguimento di un vantaggio competitivo soltanto su direttrici di sviluppo interno, deve necessariamente aprirsi alla cooperazione interaziendale anche in relazione a quelle attività, funzioni o processi di gestione ad alta rilevanza strategica e a forte impatto sulla sua capacità innovativa. Per tali ragioni l’outsourcing si pone oggi quale via spesso obbligata per innalzare il potenziale competitivo, in un passaggio paradigmatico da vettore di “cost reduction” a vettore di “value creation” che ha visto progressivamente ampliare i suoi oggetti ad attività appartenenti o vicine al core-business dell’impresa. Ed è proprio in virtù di questa nuova fisionomia dell’outsourcing che la tematica del rischio assume una rilevanza assoluta nel governo e nella gestione di questa scelta manageriale, atteso che “non c’è creazione di valore senza rischio”. Sicché si pone all’impresa l’esigenza di sviluppare un’adeguata capacità di individuare e fronteggiare i suoi numerosi rischi economici, strategici ed organizzativi, attraverso una sapiente gestione di tutte le fasi del complesso processo di outsourcing. In questa prospettiva, questo lavoro intende porre le basi di un impianto concettuale di outsourcing risk management che unifichi l’insieme dei criteri e delle modalità di gestione attraverso le quali le imprese possano fronteggiare i numerosi profili di rischio delle scelte di outsourcing, superando la tradizionale visione del rischio come elemento ostativo. Le considerazioni formulate nel testo scaturiscono da un bilanciamento di profili squisitamente teorici con aspetti di operatività concreta, e sono sviluppate con particolare riferimento a quelle fasi del processo di outsourcing che l’Autore identifica come critiche ai fini dell’ottenimento dei risultati auspicati.
978-88-348-9391-3
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/23320
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact