Oltre i 'cancelli del formalismo'. Bartolomei e l’interpretazione giuridica