Il contributo delle scienze cognitive nella valutazione della propensione al rischio