Il trattamento medico-chirurgico "arbitrario" dopo l'intervento delle Sezioni Unite penali