"Dignità" e "precarietà" del lavoro nella sollecitudine attuale della Chiesa