Il lavoro approfondisce l'istituto della mediazione familiare alla luce del nuovo art. 155-sexies c.c., secondo comma, che introduce per la prima volta, nell'ordinamento italiano, una norma di carattere generale sulla possibilità per il giudice di rinviare l'adozione dei provvedimenti riguardanti i figli in caso di separazione e divorzio, nel caso in cui si ritenga opportuno consentire ai coniugi di tentare una mediazione per giugnere ad un accordo, nell'interesse preminente dei figli. In particolare si analizza la disciplina vigente in Italia, l'impatto di questa riforma e le lacune o punti critici ancora non risolti.

La mediazione familiare

FERNANDEZ DEL MORAL DOMINGUEZ, LOURDES;
2006

Abstract

Il lavoro approfondisce l'istituto della mediazione familiare alla luce del nuovo art. 155-sexies c.c., secondo comma, che introduce per la prima volta, nell'ordinamento italiano, una norma di carattere generale sulla possibilità per il giudice di rinviare l'adozione dei provvedimenti riguardanti i figli in caso di separazione e divorzio, nel caso in cui si ritenga opportuno consentire ai coniugi di tentare una mediazione per giugnere ad un accordo, nell'interesse preminente dei figli. In particolare si analizza la disciplina vigente in Italia, l'impatto di questa riforma e le lacune o punti critici ancora non risolti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/18782
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact