La studiosa analizza il viaggio a Napoli compiuto dallo scrittore belga Chalon, evidenziando come la città partenopea, con i suoi innumerevoli mestieri reali e immaginari, anche quando viene messa in luce con i suoi aspetti negativi e contraddittori, prevarica l'insieme e, soggiogando lo stesso osservatore ipercritico, lo conquista magicamente, suo malgrado.

Mestieri reali e immaginari nella Napoli di fine 800

DIGLIO, CAROLINA
2012

Abstract

La studiosa analizza il viaggio a Napoli compiuto dallo scrittore belga Chalon, evidenziando come la città partenopea, con i suoi innumerevoli mestieri reali e immaginari, anche quando viene messa in luce con i suoi aspetti negativi e contraddittori, prevarica l'insieme e, soggiogando lo stesso osservatore ipercritico, lo conquista magicamente, suo malgrado.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/18256
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact