Il settore turistico si è mostrato esposto negli ultimi anni ad una serie di eventi ambientali fortemente variabili e fuori dal controllo degli operatori: guerre, attacchi terroristici, emergenze sanitarie, ecc. L’insieme di questi eventi ha determinato una condizione di forte incertezza dei volumi di domanda con un profondo impatto sulle strutture e sui comportamenti organizzativi per tutti gli operatori del settore. Eventi shock ed eventi shift sono le denominazioni utilizzate per indicare i fenomeni oggetto del presente studio. I primi ” rappresentano turbolenze improvvise e difficilmente prevedibili, in relazione sia al momento del loro manifestarsi che delle conseguenze derivanti. Gli “eventi shock” si differenziano dai cosiddetti “eventi shift”, i quali non producono generalmente uno stato di allarme per l’organizzazione ed esercitano una minore pressione temporale, consentendo un più lungo periodo di analisi e di decisione delle modalità di intervento. La scarsa prevedibilità dell’evento, la rapidità della sua manifestazione, l’istantaneità della reazione richiesta sono le caratteristiche distintive individuate per le suddette tipologie di eventi, che richiedono pertanto comportamenti differenti da parte degli operatori. Nel presente lavoro si propone un modello di analisi che mette in relazione eventi ambientali e capacità organizzative, suggerendo la necessità di un approccio proattivo da parte dell’organizzazione, che anticipa gli eventi ed esercita su di essi un maggiore controllo.

Eventi ambientali nel settore turistico. Un modello di analisi basato sulle capacità organizzative

BUONOCORE, Filomena;FERRARA, Maria
2011

Abstract

Il settore turistico si è mostrato esposto negli ultimi anni ad una serie di eventi ambientali fortemente variabili e fuori dal controllo degli operatori: guerre, attacchi terroristici, emergenze sanitarie, ecc. L’insieme di questi eventi ha determinato una condizione di forte incertezza dei volumi di domanda con un profondo impatto sulle strutture e sui comportamenti organizzativi per tutti gli operatori del settore. Eventi shock ed eventi shift sono le denominazioni utilizzate per indicare i fenomeni oggetto del presente studio. I primi ” rappresentano turbolenze improvvise e difficilmente prevedibili, in relazione sia al momento del loro manifestarsi che delle conseguenze derivanti. Gli “eventi shock” si differenziano dai cosiddetti “eventi shift”, i quali non producono generalmente uno stato di allarme per l’organizzazione ed esercitano una minore pressione temporale, consentendo un più lungo periodo di analisi e di decisione delle modalità di intervento. La scarsa prevedibilità dell’evento, la rapidità della sua manifestazione, l’istantaneità della reazione richiesta sono le caratteristiche distintive individuate per le suddette tipologie di eventi, che richiedono pertanto comportamenti differenti da parte degli operatori. Nel presente lavoro si propone un modello di analisi che mette in relazione eventi ambientali e capacità organizzative, suggerendo la necessità di un approccio proattivo da parte dell’organizzazione, che anticipa gli eventi ed esercita su di essi un maggiore controllo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/1703
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact