l’ingegneria navale si occupa generalmente di come progettare una carena, un’elica o un’appendice sulla base di una serie di requisiti; le forme dell’oggetto sono quindi il risultato degli studi effettuati. in alcune occasioni l’ingegnere navale si può però trovare a dover rilevare o «misurare» una nave o una sua parte, per verificarne, per esempio, la conformità al progetto originale o le deformazioni subite nel corso degli anni; in alcuni casi non si dispone dei disegni originali e quindi occorre ricostruirli ex-novo partendo dall’oggetto già realizzato; si tratta di una classica applicazione di reverse engineering, cioè della ricostruzione dei dati progettuali di un oggetto complesso partendo dall’esame dell’oggetto stesso (4). in queste occasioni possono essere applicate anche in campo navale le tecniche di fotogrammetria, che consentono di ricavare, a partire da un oggetto fisico, un modello tridimensionale (in formato digitale) di elevata precisione, modello che può poi venire impiegato per eseguire calcoli e valutazioni su successive attività. la fotogrammetria è, infatti, la tecnica che permette di compiere misure su di un oggetto tramite immagini fotografiche. Questa metodologia viene oggi ampiamente impiegata in campi diversissimi per modellare oggetti a scale diverse, da zone estese, come nel caso dei rilievi aerei di porzioni di territorio, fino a oggetti piccolissimi come una moneta. vogliamo ora occuparci di alcune applicazioni della fotogrammetria nel campo dell’ingegneria navale realizzate dal laboratorio di topografia e fotogrammetria del dsa (dipartimento di scienze applicate) dell’università parthenope di napoli. verranno in particolare presentati i rilievi eseguiti, per conto della direzione supporto diretto dell’arsenale mm della spezia, sulla carena e sulle eliche di nave argo, lo yacht della marina militare utilizzato nel periodo estivo a supporto delle più alte cariche dello stato (e in particolare del presidente della repubblica). saranno analizzate le varie fasi del processo fotogrammetrico, mediante il quale si ottiene il modello tridimensionale dell’oggetto esaminato e confrontati i risultati ottenuti con quelli attesi in base al disegno progettuale.

Il Rilievo Fotogrammetrico di Nave Argo

SCAMARDELLA, Antonio;TROISI, Salvatore
2010

Abstract

l’ingegneria navale si occupa generalmente di come progettare una carena, un’elica o un’appendice sulla base di una serie di requisiti; le forme dell’oggetto sono quindi il risultato degli studi effettuati. in alcune occasioni l’ingegnere navale si può però trovare a dover rilevare o «misurare» una nave o una sua parte, per verificarne, per esempio, la conformità al progetto originale o le deformazioni subite nel corso degli anni; in alcuni casi non si dispone dei disegni originali e quindi occorre ricostruirli ex-novo partendo dall’oggetto già realizzato; si tratta di una classica applicazione di reverse engineering, cioè della ricostruzione dei dati progettuali di un oggetto complesso partendo dall’esame dell’oggetto stesso (4). in queste occasioni possono essere applicate anche in campo navale le tecniche di fotogrammetria, che consentono di ricavare, a partire da un oggetto fisico, un modello tridimensionale (in formato digitale) di elevata precisione, modello che può poi venire impiegato per eseguire calcoli e valutazioni su successive attività. la fotogrammetria è, infatti, la tecnica che permette di compiere misure su di un oggetto tramite immagini fotografiche. Questa metodologia viene oggi ampiamente impiegata in campi diversissimi per modellare oggetti a scale diverse, da zone estese, come nel caso dei rilievi aerei di porzioni di territorio, fino a oggetti piccolissimi come una moneta. vogliamo ora occuparci di alcune applicazioni della fotogrammetria nel campo dell’ingegneria navale realizzate dal laboratorio di topografia e fotogrammetria del dsa (dipartimento di scienze applicate) dell’università parthenope di napoli. verranno in particolare presentati i rilievi eseguiti, per conto della direzione supporto diretto dell’arsenale mm della spezia, sulla carena e sulle eliche di nave argo, lo yacht della marina militare utilizzato nel periodo estivo a supporto delle più alte cariche dello stato (e in particolare del presidente della repubblica). saranno analizzate le varie fasi del processo fotogrammetrico, mediante il quale si ottiene il modello tridimensionale dell’oggetto esaminato e confrontati i risultati ottenuti con quelli attesi in base al disegno progettuale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/1679
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact