Postfordismo e terziario: il caso di una impresa di comunicazione “a rete”