Nella attuale realtà economica, caratterizzata da una forte richiesta di flessibilità, è sempre più raro che il lavoratore nella propria carriera sia chiamato a svolgere sempre le stesse attività, mentre di norma gli si richiede capacità di adattamento ai mutamenti organizzativi o tecnologici dell’azienda. In tal modo ciò che assume maggiore rilevanza non sono tanto le mansioni contrattuali, spesso generiche e comunque modificabili in itinere, quanto la professionalità del lavoratore, ovvero quell’insieme di conoscenze, competenze e abilità che gli consentono di continuare a prestare efficacemente la sua opera anche dopo eventuali trasformazioni degli assetti aziendali e produttivi.

Mutamento delle mansioni e tutela della professionalità

2007

Abstract

Nella attuale realtà economica, caratterizzata da una forte richiesta di flessibilità, è sempre più raro che il lavoratore nella propria carriera sia chiamato a svolgere sempre le stesse attività, mentre di norma gli si richiede capacità di adattamento ai mutamenti organizzativi o tecnologici dell’azienda. In tal modo ciò che assume maggiore rilevanza non sono tanto le mansioni contrattuali, spesso generiche e comunque modificabili in itinere, quanto la professionalità del lavoratore, ovvero quell’insieme di conoscenze, competenze e abilità che gli consentono di continuare a prestare efficacemente la sua opera anche dopo eventuali trasformazioni degli assetti aziendali e produttivi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11367/16086
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact