L’architettura di Napoli, come per molte grandi città del mondo, è frutto delle numerose culture che ne hanno influenzato per periodi più o meno lunghi la storia. A partire dal 1700, i viaggi mercenari e le testimonianze di uomini di cultura fanno nascere un certo gusto per l’arte e l’architettura orientale, divenendo desiderio per nobili famiglie la possibilità di realiz-zare manufatti che ne replicano i segni caratteristici e lo stile. Un interessante esempio è rappresentato dalla pagoda cinese presente nell’ampio giardino terrazzato di Villa Doria D’Angri in via Posillipo a Napoli.Lo studio della storia del manufatto, accanto ad analisi morfologiche e metriche effettuate mediante attività di rilevamento tridimensionale e rappresentazioni tecniche, sono oggetto del presente contri-buto, il cui intento è quello di documentare, esaminare e reinterpretare un esempio di fascinazione interculturale risalente al 1837, servendosi di tecniche di acquisizione e manipolazione digitale dei dati attuali e mimetiche del reale

Testimonianze di cultura orientale a Napoli: la pagoda della villa Doria d’Angri

francesco maglioccola
;
2022

Abstract

L’architettura di Napoli, come per molte grandi città del mondo, è frutto delle numerose culture che ne hanno influenzato per periodi più o meno lunghi la storia. A partire dal 1700, i viaggi mercenari e le testimonianze di uomini di cultura fanno nascere un certo gusto per l’arte e l’architettura orientale, divenendo desiderio per nobili famiglie la possibilità di realiz-zare manufatti che ne replicano i segni caratteristici e lo stile. Un interessante esempio è rappresentato dalla pagoda cinese presente nell’ampio giardino terrazzato di Villa Doria D’Angri in via Posillipo a Napoli.Lo studio della storia del manufatto, accanto ad analisi morfologiche e metriche effettuate mediante attività di rilevamento tridimensionale e rappresentazioni tecniche, sono oggetto del presente contri-buto, il cui intento è quello di documentare, esaminare e reinterpretare un esempio di fascinazione interculturale risalente al 1837, servendosi di tecniche di acquisizione e manipolazione digitale dei dati attuali e mimetiche del reale
9788835141938
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11367/109297
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact